gasdotto

Snam, Comitati: la vittoria e’ possibile solo elevando il livello della lotta


 

Una delegazione dei comitati ha presidiato ieri la sede del Ministero dello Sviluppo Economico, a Roma, per tutta la durata della Conferenza di Servizi sul Metanodotto Snam.

sit-in

Sit-in a Roma dei Comitati

Avevamo chiesto di  poter assistere, tramite un nostro rappresentante, ai lavori della Conferenza ma la Dirigente del Ministero, dott.ssa Concetta Cecere, ha respinto la nostra richiesta sostenendo che i comitati sono “soggetti portatori di interessi privati”. Strano, da oltre sette anni siamo impegnati nella tutela dell’ambiente, della salute pubblica e del territorio e non ci siamo mai accorti di difendere “interessi privati”. E chi si occupa della difesa del bene comune? Forse la Snam? Lasciamo ai cittadini ogni commento.

Nel merito della Conferenza esprimiamo il nostro apprezzamento per il ruolo svolto dalla delegazione della Regione Abruzzo, guidata dall’Assessore  Mario Mazzocca e dal Vice Presidente Giovanni Lolli. La negazione dell’intesa, prima sulla centrale e ora sul gasdotto, unita all’azione sinergica messa in atto dall’Abruzzo con il coinvolgimento delle altre Regioni e dei Comuni interessati dal tracciato, dimostrano che la partita può essere ancora vinta se si mettono in campo determinazione e capacità di coordinamento su una linea comune. Siamo ormai in una fase cruciale di una vicenda che ha preso avvio oltre 10 anni fa. Di fronte ad un Governo nazionale, totalmente e scandalosamente schierato a fianco della Snam e che considera gli atti amministrativi di contrarietà, approvati  da tutti i livelli istituzionali, privi di valore e significato, non ci si può limitare a prese di posizioni formali. Occorre, al contrario, elevare il livello della lotta attraverso la mobilitazione dei cittadini e l’utilizzo di tutti i mezzi politici, giuridici e tecnici necessari per contrastare il dannoso progetto della multinazionale. Auspichiamo pertanto :

- che la Regione Abruzzo faccia ricorso alle vie legali impugnando subito, davanti al TAR, l’arbitrario sdoppiamento della procedura autorizzativa e la conseguente chiusura della Conferenza sulla centrale con remissione degli atti alla Presidenza del Consiglio. Centrale e metanodotto sono un’opera unitaria alla quale si riferiscono i due decreti di pubblica utilità e compatibilità ambientale e non già due opere separate. Perciò le due procedure vanno riunificate.

- che il Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, guidi in prima persona la delegazione abruzzese, sia nella prossima Conferenza di Servizi che nei confronti tra Stato  e Regione.

- che la Regione Abruzzo esiga dal Governo Renzi l’immediata applicazione della risoluzione della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati dell’ottobre 2011 e la conseguente istituzione del tavolo nazionale per la individuazione di soluzioni alternative alla dorsale appenninica.

- che la Regione Abruzzo rafforzi il coordinamento con le altre Regioni e faccia fronte comune  con la Regione Puglia con l’obiettivo di unificare le due lotte contro il progetto TAP e quello della Rete Adriatica.

- che i Parlamentari abruzzesi mettano in atto ogni possibile iniziativa, compreso un incontro urgente con il Governo, affinchè venga rispettata ed attuata la risoluzione della Commissione Ambiente.

- che i Sindaci, oltre ad attestare la non conformità urbanistica del metanodotto, come richiesto dalla procedura, si mettano alla testa della lotta per la difesa del territorio, promuovendo iniziative di informazione e mobilitazione dei cittadini. Una prima iniziativa può essere una assemblea pubblica promossa da tutti i Comuni  della Valle Peligna attraversati dal gasdotto, da Sulmona fino a Popoli.

Sulmona, 25/02/2015

Comitati cittadini per l’ambiente

Info: Mario 3339698792 – Antonio 3407066402 – Giovanna 3284776001
Email: sulmonambiente@gmail.comhttp://sulmonambientewordpress.com

Articoli correlati:

aereoporto

#Rimpatri


Per quale ragione il Comune di ‪#‎Navelli‬ si è fatto carico della organizzazione del viaggio di rientro nel paese d’origine della sig.ra Omissis e dei suoi due figli minori e di tutte le spese relative al loro trasferimento in auto fino all’aeroporto e al loro rimpatrio in aereo? Senza contare quelle di sostentamento ed alloggio presso una struttura ricettiva locale (ospitalità a costi ridotti) nel periodo antecedente il ‪#‎rimpatrio‬.
Ma allora che ci stanno a fare le ambasciate, i consolati?
vitto e alloggio
#‎rimpatri
insegne stradali navelli

#Legàmi


Per quale ragione i cittadini di ‪#‎Navelli‬ debbono pagare le insegne stradali per un’associazione e la sua attività ricettiva quando le altre realtà operanti sul territorio comunale si sono dovute pagare le proprie?

insegne stradali navelli

 #‎LEGÀMI
CIPE

Assegnati dal Cipe 1,2 mld per ricostruzione privata


 

gruVenerdì sera il CIPE ha assegnato, su proposta del sottosegretario Paola De Micheli,  1.126,5 milioni di euro per la prosecuzione degli interventi di ricostruzione degli immobili privati distrutti o danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009 di L’Aquila, dei comuni del cratere e di fuori cratere, in base alle somme stanziate dal decreto legge n. 43/2013, dalla legge di stabilità n. 147/2013, dal decreto legge n. 133/2014, e dalla legge di stabilità n. 190/2014, di cui:

  • circa 802,5 milioni di euro per il Comune di L’Aquila,
  • circa 192,2 milioni di euro per gli altri 56 comuni del cratere,
  • circa 131,7 milioni di euro per i comuni fuori del cratere.

Sono stati anche assegnati 6,9 milioni di euro per servizi di natura tecnica e assistenza qualificata sia in favore delle amministrazioni del territorio direttamente coinvolte nelle attività di ricostruzione (gli Uffici speciali), sia in favore della Struttura di missione.

Inoltre dopo una ricognizione delle risorse residue sono stati assegnati 86,3 milioni di euro a copertura di anticipazioni garantite dal Commissario delegato per la ricostruzione.

avvisi di criticità navelli

Cercasi senso


Alla pubblicazione degli avvisi di criticità quando i cittadini ignorano le azioni previste dal piano di emergenza comunale che i Comuni dovrebbero mettere in atto in situazioni di allerta a seguito di fenomeni meteorologici e idrologici. Sempre che siano dotati per davvero di un piano e venga pure periodicamente aggiornato.

Piano di emergenza comunale navelli

#‎ChiLhaVisto‬?


All’emanazione dell’ordinanza di sospensione delle attività didattiche soltanto nella tarda mattinata di oggi 9 febbraio quando il Centro Funzionale d’Abruzzo aveva diffuso un avviso di condizioni meteo avverse emesso dal Dipartimento della Protezione Civile (n.° 15022 prot. dpc/ria/6581 del 7 febbraio 2015) nel quale si informava che dal pomeriggio di domenica 8 febbraio 2015 erano previsti venti settentrionali da forti a burrasca, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quota neve in calo fino a 300-400 m e localmente fino a livello del mare sulle Adriatiche. Come puntualmente verificatosi.

ordinanza chiusura scuole navelli

6fa35576

Certezza


 

navelli centro storico

S’innalza
il canto
del vento
con le foglie
alla luna.

     foglie-autunno-animateIl cuore
     canta
     il pianto
     dell’animo
     solo
     e
     silenzioso.

La speranza
rimane
e
vibra
per il domani
che
arriverà!

     Libertà, 14.07.2014

Le spalatrici di Navelli

Le spalatrici di Navelli


 

LA PALA DI SINIBALDO E’ VIVA
A NAVELLI LE DONNE SPALANO
LA NEVE COME LA ”ROCCIA”

Le spalatrici di NavelliNAVELLI – La pala di Sinibaldo Santucci continua a lavorare anche se lui non c’è più.

Vi ricordate l’anziano signore di Navelli (L’Aquila) che a 91 anni suonati liberò il borgo dalla neve che cadde copiosa nel febbraio del 2012?

Ebbene, la memoria di Sinibaldo, la “Roccia” di Navelli, che si è spento un anno dopo quella forte imbiancata, viene tenuta su da sua figlia Filomena e da Giuseppina Tiberio, mamma del consigliere comunale di opposizione Gaetano Cantalini.

In assenza di un adeguato servizio che purtroppo in paese non c’è, ci pensano dunque le donne a pulire vicoli e strade.

Proprio come ha sempre fatto Sinibaldo fino alla fine dei suoi giorni, a dimostrazione di un amore immenso nei confronti di Navelli, che, seppur ancora incerottato a quasi sei anni di distanza dal sisma del 6 aprile 2009, resta uno dei borghi più belli d’Italia.

Roberto Santilli

IL LINK ALL’ARTICOLO CON INTERVISTA VIDEO A SINIBALDO SANTUCCI

via LA PALA DI SINIBALDO E’ VIVA A NAVELLI LE DONNE SPALANO LA NEVE COME LA “ROCCIA” Abruzzo Web Quotidiano on line per l’Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

casa per casa navelli civitaretenga

Casa per Casa


 

casa per casa navelli civitaretenga

→ Per raccontarvi il lavoro svolto in cinque anni dai banchi dell’opposizione, gli obiettivi prefissati, i risultati raggiunti e quelli perseguiti.

→ Per ascoltare le vostre esigenze, difficoltà, idee, proposte.

→ Per confrontarmi con voi su alcune questioni cruciali che interessano la nostra comunità di Navelli e Civitaretenga.


A partire dal prossimo 29 Gennaio
“Casa per Casa”
percorso di condivisione delle sfide future

#CasaperCasa


«Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti»
Cesare Pavese

 

scuole navelli

Vulnerabilità sismica


JsuG5RVP#‎SCUOLESUPERSICURE‬. Se la convenzione sottoscritta dal tecnico incaricato della redazione del progetto prevedeva a carico dello stesso l’esecuzione delle sole indagini geologiche, geotecniche e sismiche, mentre restavano escluse dalle prestazioni richieste al professionista le indagini qualificanti le caratteristiche meccaniche delle strutture esistenti, perché il progettista trasmette al Comune di ‪#‎Navelli‬ (stazione appaltante) per quest’ultime notula professionale (importo complessivo 15.000,00 euro, oltre l’iva e contributi di legge) emessa dalla Soc. Coop. A+Studio affinché fosse assunto relativo impegno di spesa? Chi ha incaricata delle “analisi qualificanti la vulnerabilità dell’edificio” (necessarie ai fini della predisposizione del progetto di messa in sicurezza dell’edificio) la Soc. Coop. A+Studio con sede legale ed operativa a Teramo in via Antica Cattedrale n. 38 (dove ha sede lo studio del progettista incaricato l’arch. Alejandro Bozzi)? Perché si è proceduto soltanto con determinazione n. 127 del 07.10.2014, ovvero nell’imminenza dell’avvio dei lavori di “miglioramento sismico”, all’assegnazione del “Servizio di supporto tecnico per l’approfondimento delle analisi qualificanti la vulnerabilità dell’edificio scolastico attraverso prove specialistiche distruttive e non distruttive” alla Soc. Coop. A+Studio impegnando il relativo compenso?
‪#‎ricostruzione‬ ‪#‎messainsicurezza‬ ‪#‎scuole‬ ‪#‎abruzzo‬ ‪#‎terremoto‬ ‪#‎laquila

http://www.alejandrobozzi.it/a-studio/

Articoli correlati:

carapelle

Territorio di Santi e Guerrieri


 

 

Una realizzazione CARMINE BUCCI – L’Arte delle Immagini in Movimento
Lavoro commissionato da “il Bosso – Società Cooperativa” – GAL – Wolftour – LD Editore, STL, I Viaggiatori nel Parco
Il progetto video nasce con l’obiettivo prioritario di coinvolgere le comunità in un percorso di conoscenza e valorizzazione delle risorse storico antropologiche locali.
Territorio: Valle del Tirino, Capestrano, Ofena, Rocca Calascio, Castel del Monte, Campo Imperatore, Santo Stefano di Sessanio, Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Barisciano

http://www.santieguerrieri.it/

rotonda navelli

Urge altra rotonda!?!


Guardate cosa è successo ad uno dei sedici “porta insegne stradali e commerciali in ferro decorati” appena installato (costo cadauno € 610,00 + IVA per un totale di € 11.907,02)!

— presso Navelli (AQ)

bocce

Adeguamento campo di bocce


Ecco il risultato dei lavori di cui al progetto (predisposto dal Responsabile del Servizio Tecnico ed approvato con delibera di Giunta comunale n. 61 del 10.10.2013) denominato “Opere per la sistemazione e l’ampliamento del campo di bocce di Navelli Legge Regionale 2 dicembre 2011, n. 41″, per un importo complessivo di € 60.000 di cui 49.217,43 euro concessi ai sensi della suddetta Legge Regionale 2 dicembre 2011, n. 41 “Disposizioni per l’adeguamento delle strutture sportive, ricreative e per favorire l’aggregazione sociale nella città di L’Aquila e degli altri Comuni del cratere”, e in particolare dell’art. 5 “Interventi a favore degli altri Comuni” – Delibera di Giunta Regionale 10.09.2012, n. 570 – Linea 1 “Adeguamento, miglioramento e potenziamento di impianti sportivi esistenti per la pratica e lo svolgimento di attività sportive e ricreative”. Si noti, infatti, l’assoluta assenza di barriere architettoniche. D’altronde l’impianto è fruito soprattutto da persone giovanissime.

GUARDATE A COSA SONO DOVUTI RICORRERE GLI ANZIANI PER POTERVI ACCEDERE!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Articoli correlati:

lavori parco giochi navelli

Cercasi ciclabile


Chi ha eseguito i lavori al parco giochi di ‪#‎Navelli‬? Con quali fondi sono stati realizzati? Non si tratterà mica del progetto “Riqualificazione e rifunzionalizzazione di aree ludiche e turistiche lungo i tracciati ciclabili dei Comuni di San Pio delle Camere, Caporciano, Navelli e Collepietro” cofinanziato dall’Unione Europea sul POR FESR Abruzzo 2007-2013 Asse IV “Sviluppo Territoriale” – Attività IV.2.1 “Valorizzazione dei territori montani” – PIT Ambito L’AQUILA – Anno 2012? Del finanziamento PIT di € 142.704,00 per l’intervento “Progetto pista ciclabile via dei Vestini” approvato dal partenariato unitario?? Ma allora la pista ciclabile dov’è???

scuola primaria navelli

#‎SCUOLESUPERSICURE


Ammonta a ben 30.500 euro la spesa per il trascolo delle aule scolastiche e degli uffici della segreteria didattica presso l’area MAP di ‪#‎Navelli‬ dovuto all’imminente avvio dei lavori di “miglioramento sismico” dell’edificio adibito a scuola elementare (risultato agibile di tipo A ed adibito a sede di COM – Centro Operativo Misto all’indomani del ‪#‎terremoto‬ ‪#‎Laquila‬), lo stesso sul quale si è già intervenuti (insieme a quello della scuola materna) per consentire il regolare avvio dell’anno scolastico 2009/2010 (essendo ricompreso nel I° Piano di messa in sicurezza – Comuni del ‪#‎Cratere‬, piano totalmente eseguito e che ha interessato per complessivi € 30,6 milioni quegli edifici che hanno riportato dopo la scossa del 6 aprile 2009 danni di media entità) e sul quale si sta per intervenire nuovamente (poiché inserito nel III° Piano di messa in sicurezza – “Scuole d’Abruzzo – Il Futuro in Sicurezza”, un piano di 164.831.450 euro inerente gli edifici scolastici della Regione Abruzzo che hanno avuto danni a seguito del ‪#‎sisma‬ del 6 aprile 2009 e che comunque presentano gravi carenze di natura strutturale tali da compromettere significativamente la sicurezza degli stessi in caso di nuovi fenomeni tellurici). Dunque, lo stesso edificio risulta beneficiario due volte di risorse assegnate dalla medesima delibera, la n. 47/2009 del CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), in ottemperanza a quanto stabilito dall’art. 4, comma 4, del DL 39/2009, per complessivi 226.421.450,00, a favore del Commissario Delegato per la Ricostruzione, Presidente della Regione Abruzzo, che con decreto n. 89/2011 ha individuato una serie di interventi tra cui quelli destinati alla scuola elementare e alla scuola materna di Navelli per complessivi 1.698.055,55 euro. Così il Sindaco in una nota di integrazione alla richiesta del suddetto contributo (poi concesso, anche se in termini programmatori, sulla base di un progetto preliminare di una sola pagina) argomentava la necessità di tali interventi: “Alla luce degli esiti di agibilità sopra indicati, avendo provveduto al mero ripristino dell’agibilità attraverso interventi localizzati al fine della riapertura delle scuole, dovendo questo Comune garantire la sicurezza degli edifici pubblici di interesse strategico, risulta opportuno prevedere degli interventi di miglioramento ed adeguamento sismico sugli interi organismi edilizi”. #‎scuolesupersicure

scuole d'abruzzo futuro in sicurezza navelliArticoli correlati:

metanodotto

Metanodotto Sulmona-Foligno, presentate dall’Associazione V.e S.T.A. di Navelli le osservazioni contrarie all’opera


Le osservazioni inviate dall’Associazione V.e S.T.A. di Navelli al Ministero dello Sviluppo Economico in relazione al procedimento per l’autorizzazione alla costruzione del Metanodotto Sulmona-Foligno DN 1200 (48”) DP 75 bar, ai sensi dell’art. 52 quinquies D.P.R. 8:06:2001 n. 327 e s.m.i.

 

idee confuse

Poche e confuse


POPOLI – I comuni di Popoli (Pescara), Collepietro (L’Aquila) e San Benedetto in Perilis (L’Aquila) puntano alla fusione e chiedono che si verifichi la possibilita’ di realizzare questo progetto. Se n’e’ parlato nel corso di un incontro tra le tre amministrazioni che intendono creare “un soggetto amministrativo nuovo che consenta di gestire nuove e piu’ proficue risorse per le comunità”.

C’erano Concezio Galli, sindaco di Popoli, Giovanni Diamante, assessore dello stesso Comune, Massimo Tomassetti, sindaco di Collepietro, Mauro Colangeli, vice sindaco di Collepietro, Antonio Scarcia, vice sindaco di San Benedetto in Perilis, i quali sollecitano alla Regione Abruzzo di favorire questo percorso anche con un provvedimento legislativo.

“Le opportunita’ che questa operazione darebbe alle tre comunita’ sarebbero molteplici – scrivono in una nota – e, al di la’ delle provvidenze economiche pur cospicue che verrebbero attivate, si tratterebbe di un nuovo Comune che, sull’asse delle svolte di Popoli, gestirebbe un territorio di circa 65 km quadrati e vedrebbe al suo interno la presenza in contemporanea di tre parchi nazionali, due riserve regionali e, dunque, la possibilita’ di giocare nella sua pienezza la carta turistico-ambientale-storica”. I benefici, poi, ci sarebbero anche sul piano dei servizi gestiti in comune. Gli abitanti sono 5.305 a Popoli, 239 a Collepietro e 125 a San Benedetto in Perillis.

fusione comuni collepietro popoli san benedetto in perillis


«Finalmente le aree omogenee, nate per affrontare i problemi legati alla ricostruzione, vanno oltre e approdano a un’idea di organizzazione futura dei territori del cratere». Ad affermarlo sono i sindaci di Caporciano, Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Collepietro, Navelli, Prata d’Ansidonia, San Benedetto in Perillis e San Pio delle Camere (area omogenea 6), per i quali «è questo il significato del protocollo d’intesa firmato venerdì scorso. Sono state gettate infatti le basi», affermano, «per l’unione delle Terre dello zafferano e della Baronia». Questo è il nome che i sindaci hanno voluto dare al progetto di unione dei loro comuni. Un nuovo modo di concepire i rapporti tra territori e comuni contigui. Con questo protocollo i sindaci intendono riaffermare le radici del loro territorio e le esigenze di sviluppo, «che non possono prescindere dall’avere una visione unitaria del territorio». I sindaci, infine, auspicano che questo loro esempio venga seguito da altri colleghi delle altre aree omogenee e che venga fatto proprio dalla Regione nella nuova legge di unione dei piccoli comuni.

area_6_20141117


ideeChe fine ha fatto il percorso per la realizzazione della gestione associata obbligatoria delle funzioni fondamentali dei comuni con popolazione al di sotto dei 5.000 abitanti o 3.000 abitanti, se appartenuti o appartenenti ad una comunità montana? Ricordo che anche il Comune di Navelli, nella seduta del 27.12.2012 del consiglio comunale, ha provveduto ad approvare le convenzioni per la gestione associata delle funzioni di catasto, di pianificazione civile e coordinamento dei primi soccorsi,  di polizia municipale ed amministrativa locale, ai sensi del D.L. n. 95 del 06.07.2012 convertito in Legge n. 135 del 07.08.2012, tra i Comuni di Navelli, San Pio delle Camere, Caporciano, Prata D’Ansidonia e Collepietro. 
Eppure entro il 30 giugno 2014 (termine ulteriormente prorogato al 30 settembre 2014) dovevano essere associate altre 3 funzioni ed entro il 31 dicembre 2014 dovevano risultare associate anche le ultime 3.

Articoli correlati

agevolazioni trasporto viaggio

Agevolazioni di viaggio


 

agevolazioni trasporto viaggiPer poter usufruire delle ‪#‎agevolazioni‬ previste dalla L.R. 44/05 “Istituzioni di tariffe speciali e concessioni di agevolazioni sui servizi di linea di trasporto pubblico locale” occorre rivolgersi al proprio Comune di residenza a cui spettano lo svolgimento delle funzioni amministrative concernenti il ricevimento delle domande, l’esame della documentazione probante il possesso dei requisiti richiesti, l’eventuale rilascio o rinnovo delle tessere di libera circolazione.
Hanno diritto di fruire della libera circolazione sui servizi di ‪#‎trasporto‬ pubblico locale regionale i cittadini residenti in ‪#‎Abruzzo‬ in possesso della tessera regionale di libera circolazione rilasciata dal Comune di residenza ed appartenenti alle seguenti categorie:
1) i privi di vista per cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione;
2) i sordomuti, in possesso di certificato di sordomutismo ai sensi dell’art. 1 della legge 26 maggio 1970, n. 381;
3) gli invalidi minori di diciotto anni che beneficiano dell’indennità di accompagnamento di cui alle leggi 28 marzo 1968, n. 406 e 11 febbraio 1980, n. 18 nonché della legge 21 novembre 1988, n. 508 oppure dell’indennità di frequenza di cui alla legge 11 ottobre 1990, n. 289;
4) i grandi invalidi di guerra, di lavoro, di servizio, i reduci e i combattenti;
5) gli inabili, gli invalidi civili e del lavoro con invalidità permanente superiore o uguale all’80%;
6) i mutilati e gli invalidi di servizio con menomazione ascritta dalla I alla VIII categoria;
7) i mutilati e gli invalidi di guerra, compresi i mutilati ed invalidi civili per cause di guerra;
8) i Cavalieri di Vittorio Veneto che abbiano ottenuto il relativo riconoscimento ufficiale mediante provvedimento formale della competente autorità.

Hanno diritto alla tessera di libera circolazione o alla conferma di validità di quella di cui sono già in possesso, i richiedenti che l’anno precedente a quello della presentazione della domanda hanno realizzato un reddito imponibile ai fini IRPEF pari o inferiore a € 15.500,00 ad esclusione dei soggetti privi di vista per cecità assoluta, ai Cavalieri di Vittorio Veneto, ai grandi invalidi di guerra, di lavoro e di servizio e agli invalidi con grado di invalidità pari al 100% a prescindere dalla causa invalidante.

invito incontro conviviale

Partita di giro


 

COMUNE DI NAVELLI

Alla richiesta di chiarimenti in merito ai festeggiamenti del 40°anniversario del Navelli Social Club – Toronto, ovvero alla domanda: «Chi sono i “patrocinatori” che il dott. Davide D’Ercole, nella missiva alla S.V. diretta, sente di dover infinitamente ringraziare per la loro generosità?» e ancora: «Non crede che i cittadini abbiano il sacrosanto diritto di conoscere la gestione economico-finanziaria degli eventi organizzati dall’Amministrazione comunale in occasione dei festeggiamenti per il 40° anniversario del Navelli Social Club avuti luogo la scorsa estate a Navelli?» il Sindaco risponde così: «Per i festeggiamenti del 40°anniversario del Navelli Social Club il Comune di ‪#‎Navelli non ha stanziato o impegnato né pagato alcuna somma, ma ha solo collaborato con la Pro Loco, il comitato feste e il Navelli Social Club esclusivamente per l’organizzazione logistica degli eventi.»

Ma allora chi ha pagato la cena offerta ai canadesi lo scorso 20 agosto presso il Palazzo Santucci (presenti anche i consiglieri di maggioranza) con tanto di invito dell’Amministrazione comunale e del Sindaco stesso? E con quali fondi?

Articoli correlati

gasdotto

Appello ai Comuni, Comitati, Associazioni sociali, culturali e di categoria



“La grande politica è quella delle risoluzioni audaci“  
“Il primo bene di un popolo è la sua dignità” 
(Cavour)

Comunicato stampa dei Comitati cittadini per l'ambiente dell'8.01.2015Dopo la centrale di compressione, anche per il metanodotto siamo ormai nella fase decisiva finale. Il 17 gennaio scade il termine per la presentazione delle osservazioni all’avviso pubblico per l’autorizzazione alla costruzione del metanodotto “Sulmona-Foligno”, tratto dell’opera unitaria “Rete Adriatica gasdotto Brindisi-Minerbio”. L’approssimarsi di tale scadenza, alla quale potrebbe seguire subito dopo la convocazione della Conferenza di Servizi, ci induce, quali cittadini che da sette anni sono “in trincea” nella battaglia contro il progetto della Snam, a rivolgere un appello a tutti i Comuni, ai Comitati ed alle Associazioni sociali, culturali e di categoria, affinchè inoltrino le loro osservazioni motivando la contrarietà all’opera.

Alla politica chiediamo da sempre di farsi interprete della volontà popolare, ricordando che questa battaglia, nata con il convincimento che si stava affrontando “una piccola opposizione ad un limitato problema locale”, ci ha visti, invece in questi anni di impegno costante ed ininterrotto, al centro di una vicenda che pian piano è emersa come un importante tassello all’interno della politica energetica internazionale; così come pure la controparte che ci troviamo ad affrontare da allora, non è di “ridotte dimensioni”, bensì una multinazionale molto potente sotto il profilo economico e politico.

Siamo fiduciosi che la politica, quella vera, consapevole del proprio ruolo rappresentativo della volontà popolare, non vorrà mai cedere il passo a quei potentati economici che, in quanto tali, condizionano anche l’apparato politico con la tutta la protervia che sono capaci di esprimere e di mettere in atto. Ai Comuni chiediamo di esprimere o confermare con  apposita delibera consiliare, la loro contrarietà al devastante e pericoloso progetto della Snam.

A tutte le Associazioni, a tutti i comitati ed ai cittadini chiediamo di formulare anch’ essi le loro osservazioni, ricordando che beni assoluti come il proprio territorio e la salute vanno difesi con dignità e coraggio, senza credere che si possa delegare ad altri ciò che è nostro dovere tutelare per primi e quali cittadini, chiediamo di mettere in campo tutta la forza necessaria sostenuta da quell’orgoglio e da quella tenacia che ha sempre contraddistinto gli abitanti dell’Abruzzo, non cedendo al timore che possa valere la ferrea regola che la ragione è del più forte!

Se Davide ha sconfitto Golia, cittadini ed istituzioni insieme costituiscono una “solida fionda”, ed insieme devono scagliare il sasso contro chi vuole desertificare, mortificare, assoggettare, esporci a rischi certi, compromettere irrimediabilmente il nostro territorio e con esso il nostro futuro. Non permettiamo che ciò avvenga: dipende da noi e saremo responsabili verso i nostri figli perché mentre noi non agiamo, la multinazionale persevera nel suo progetto per i suoi profitti!

Per tutte le eventuali informazioni necessarie, i comitati cittadini sono a disposizione con la casella di posta elettronica sulmonambiente@gmail.com oppure giomargi54@gmail.com, ed ai seguenti recapiti telefonici: Mario 3339698792 – Antonio 3407066402 – Giovanna 3284776001.

Sulmona, 8 gennaio 2015

Comunicato stampa “Comitati cittadini per l’ambiente”

Info: Mario 3339698792 – Antonio 3407066402 – Giovanna 3284776001
Email: sulmonambiente@gmail.comgiomargi54@gmail.com
sito web: http://sulmonambientewordpress.com//

Articoli correlati:

Giornata di primavera 2014 Navelli

“Giornata di Primavera 2014″ nel centro storico di Navelli (AQ)


 

“per farlo ri-fiorire dopo lunghi cinque inverni collocando tra le pietre del borgo primule, margherite, viole del pensiero …positivo!”

Articoli correlati:

navelli

Felice anno


2015

«Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi»

Rita Levi Montalcini