chiesa santa maria in coerulis navelli

Navelli, ricostruzione “complesso cimiteriale”


Ammonta a ben 960.000,00 euro circa l’importo stimato dal Responsabile del Servizio tecnico per la riparazione dell’intero “complesso cimiteriale” di Navelli, costituito dalla Chiesa di S. Maria in Coerulis e dall’annesso cimitero, dai danni subiti dal sisma del 6 aprile 2009.

chiesa di santa maria in coerulis navelli

Considerato che, mediante il DCDR n. 78/2011, è stata autorizzata l’assegnazione programmatica di un finanziamento per la realizzazione di interventi prioritari per le strutture cimiteriali che, per il Comune di Navelli, ammonta ad Euro 400.000,00, e che, l’art. 3 del predetto decreto definiva l’iter procedurale per il trasferimento dei fondi, precisando che il Commissario delegato per la ricostruzione, previa valutazione del progetto trasmesso e dell’incidenza di altri eventuali finanziamenti, avrebbe proceduto, per ciascun intervento, all’approvazione della spesa risultante dal progetto stesso“, la Giunta comunale ha deliberato in data 11.12.2012 di “dare atto che la spesa complessiva del progetto, pari ad € 960.000,00, sarà finanziata ai sensi del DCDR n. 78/2011 e, precisamente, per Euro 400.000,00, con le somme già destinate a tal fine nello stesso decreto e per Euro 560.000,00, con le ulteriori somme che le competenti Autorità renderanno eventualmente disponibili per questo Comune dopo la valutazione del progetto preliminare” e che “nel caso in cui le competenti Autorità non ritenessero di concedere ulteriori somme oltre a quelle già destinate per l’area cimiteriale di Navelli capoluogo, l’intervento in oggetto sarà rivolto esclusivamente alla riparazione della Chiesa di Santa Maria in Cerulis, mediante lo stralcio del progetto della parte riguardante il cimitero” (Deliberazione G.C. n. 60 dell’11.12.2012).

chiesa di santa maria in coerulis navelli

Dalla delibera si evincono così i danni che sarebbero stati causati dal sisma per la riparazione dei quali occorrerebbero 960.000,00 euro. Distinguendo, per quanto riguarda la Chiesa di Santa Maria in Coerulis, “attualmente chiusa al pubblico” e “in un totale stato di degrado“, all’interno “si registrano, tra l’altro: delle profonde lesioni nelle parti centrali degli archi di spinta e nei grandi pilastri cruciformi; il distacco della copertura nella parte di innesto delle due falde e nei punti di congiunzione con le murature; un impianto elettrico del tutto privo di ogni efficacia o di conformità alle più elementari norme di sicurezza; un quadro fessurativo importante nelle pareti perimetrali; gli altari maggiori parzialmente crollati nella parte decorativa e lesionati nella parte strutturale; il crollo della volta a crociera che copriva la navata centrale in corrispondenza dell’altare maggiore” mentre all’esterno “i muri perimetrali sono privi di intonaco e la parte terminale del campanile presenta lesioni in corrispondenza dell’unione dei due archi” (per questo intervento sarebbero sufficienti 400.000,00 euro). Per quanto riguarda il resto ovvero “la porzione destinata a cimitero e strettamente correlata alla Chiesa stessa presenta anch’essa danni causati dal sisma del 2009 nella parte delle edicole comunali, lesioni profonde alla camera ardente costruita a ridosso della facciata a Nord-Ovest e distacco dell’intonaco del muro di confinamento” (per questo occorrerebbero altri 560.000,00 euro).

quadro economico progetto navelli

Quadro economico del progetto preliminare denominato “Ristrutturazione del complesso cimiteriale della Chiesa di Santa Maria in Coerulis a Navelli”, approvato con Deliberazione di Giunta comunale n. 60 del 11.12.2012

Con detta delibera la Giunta ha altresì approvato il progetto preliminare denominato “Ristrutturazione del complesso cimiteriale della Chiesa di Santa Maria in Coerulis a Navelli” predisposto da un’associazione temporanea di professionisti con l’incarico di progettazione, coordinamento sicurezza in fase di progettazione, coordinamento sicurezza in fase di esecuzione, direzione dei lavori, contabilità e redazione di certificato di regolare esecuzione per i lavori”, affidato con deliberazione n. 68 del 18.10.2012 del Responsabile del Servizio tecnico per l’importo complessivo di Euro 30.000,00.

Ma da chi è formata questa associazione temporanea di professionisti?

Insieme all’Arch. Mario Saggese ed al Geom. Umberto De Marco, vi è l’Ing. Rocco Di Ciero. Sarà un altro caso di omonimia? Oppure si tratta della stessa persona titolare di quello stesso studio tecnico… leggi l’articolo “Navelli, ricostruzione sede municipale“.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...