Civitaretenga zona rossa

“La non-ricostruzione di Civitaretenga e il mistero delle donazioni”


civitaretenga centro storico tridimensionaleCivitaretenga, borgo medioevale a pochi chilometri da Navelli, di cui è frazione, che domina l’altopiano famoso per lo zafferano, per le mandorle, e da qualche anno, per le rotonde della superstrada che corre su quello che fu un tratturo. 

Civitaretenga è oggi uno dei tanti gioielli di pietra incastonati come in una maledizione nel cratere sismico aquilano.

Il suo centro antico, che tra il XII ed il XV secolo fu un ghetto ebraico, è dal 2009 chiuso da transenne. Dentro solo silenzio e macerie.

Ma queste peculiarità storiche, artistiche e culturali sembrano avere davvero poca importanza, in un Paese sempre più abbrutito e ignorante, indifferente alla sua bellezza e che lascia crollare persino Pompei.

In attesa della ricostruzione, che non è detto che arriverà, telefoniamo al giovane consigliere comunale Gaetano Cantalini.

Il quale conferma quello che è sempre più evidente: ovvero che al netto delle tante chiacchiere di una classe politica inadeguata, ai borghi del cratere i soldi arriveranno con il contagocce e dunque con questi ritmi ci vorranno decenni per ultimare la ricostruzione, che per Civitarentenga e Navelli avrebbe un costo di oltre 150 milioni di euro.

Conferma che anche a Civitaretenga il Piano di ricostruzione, realizzato dall’Università di Parma per 240mila euro, è stato una inutile perdita di tempo che impedisce tuttora ai cittadini di costituire i consorzi.

E conclude il consigliere: c’è una grave mancanza di trasparenza, la popolazione non è coinvolta, poco o nulla sa di come sarà ricostruito il paese. Anche un consigliere ha estrema difficoltà ad accedere agli atti.

E soprattutto, denuncia Cantalini, ”a distanza di quattro anni dal terremoto, e nonostante un’interrogazione e infinite sollecitazioni, ai cittadini non è dato ancora a sapere a quanto ammontano le donazioni, la loro provenienza e come sono state eventualmente impiegate”

Chiederemo ovviamente lumi sulla vicenda delle donazioni – e più in generale sull’iter della ricostruzione – anche al sindaco di Navelli, per consentire una replica ed una eventuale smentita rispetto a quanto affermato dal consigliere Cantalini.

Vai all’articolo La non-ricostruzione di Civitaretenga e il mistero delle donazioni – La ricostruzione L’Aquila – Abruzzo24ore.tv di Filippo Tronca - montaggio Maria Laura Carducci

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...